menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonus baby sitter solo se entrambi i genitori sono obbligati a lavorare fuori

Con le risorse stanziate saranno coperte, probabilmente, solo le richieste da parte di coppie in cui entrambi i genitori lavorano in sanità o forze dell'ordine

Bonus baby sitter, ma non per tutti. Se è chiaro che la misura, annunciata già due settimane fa dalla Giunta provinciale, non avrebbe accontentato tutti i trentini che si sono ritrovati i figli a casa con la chiusura di scuole ed asili, è anche vero che molti nutrivano forti speranze sull'intervento provinciale. Un intervento che, a quanto si apprende, riguarderà solo le famiglie in cui entrambi i genitori devono lavorare fuori casa tutto il giorno.

Lo stanziamento ad hoc ammonta a 4,5 milioni di euro e servirà per coprire il costo della baby sitter calcolato a 20 euro all'ora. I beneficiari saranno circa 900 nuclei familiari, ma con queste risorse, in pratica, saranno solamente le famiglie del comparto sanità, delle forze dell'ordine e di altri settori pubblici, a beneficiarne.

Delusi i sindacati: “La misura delineata dalla Provincia che esclude gran parte delle lavoratrici, ad eccezione di qualche categoria, non è la risposta al problema delle famiglie. Inconcepibile anche non riconoscere come lavoro a tutti gli effetti lo smart working - spiegano le responsabili per le politiche di genere di Cgil Cisl Uil del Trentino, Claudia Loro, Milena Sega e Marcella Tomasi -. Sarebbero importanti, a riguardo, sgravi contributivi per le aziende in cui vengano siglati accordi collettivi con misure di conciliazione, includendo tra queste il lavoro agile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento