Bezzecca, il nuovo comandante dei vigili del fuoco è Collotta

Giorgio Turrini lascia la guida del corpo dopo 25 anni, oltre i 5 nel ruolo di vicecomandante dal 1990 al 1995, ma resterà nel corpo come vigile del fuoco

I vigili del fuoco di Bezzecca

Cambio al vertice dei vigili del fuoco di Bezzecca. Le votazioni si sono tenute nel pomeriggio di sabato 10 ottobre con l'assemblea del corpo dove è stato designato il nuovo direttivo e sono state affidate altre cariche. Sabato erano presenti alle votazioni anche l'ispettore distrettuale Marco Menegatti, il suo vice Massimo Mazzardi e il sindaco di Ledro Achille Brigà. Il nuovo direttivo è composto da Ivano Collotta ex vicecomandante e ora nei panni del comandante, il suo vice è Andrea Leonardi che prima era il segretario. Ruolo, quest'ultimo, assunto da Michele Oradini. Il nuovo cassiere è Matteo Bondoni, mentre il nuovo magazziniere è Claudio Pregl. Durante l'assemblea di sabato 10 ottobre, si sono tenute anche le votazione per l'elezione del nuovo capoplotone, individuato in Alessandro Cis e di nuovi capisquadra, che ora sono Alex Mora e Patrick Faustini.

L'ex comandante Giorgio Turrini lascia la guida del corpo dopo 25 anni, oltre i 5 nel ruolo di vicecomandante dal 1990 al 1995, ma resterà nel corpo come vigile del fuoco. Per l'unione distrettuale, in questi anni, ha ricoperto il ruolo di revisore dei conti e di responsabile del gruppo allievi. Dal 1984, anno di inizio della propria attività di vigile del fuoco volontario, ha preso parte a varie colonne mobili per le calamità naturali della nostra penisola, tra le quali i terremoti Valtopina, l'Aquila, Emilia Romagna, Amatrice e della provincia autonoma di Trento.

Il nuovo comandante Ivano Collotta è entrato a far parte del corpo dei vigili del fuoco volontari di Bezzecca nel 1989, dal 2009 al 9 ottobre 2020 ha ricoperto il grado di vicecomandante. Dal 1° gennaio 2020 il corpo di Bezzecca ha svolto circa 60 interventi che si sono articolati tra soccorso e collaborazioni con gli enti preposti per la gestione della problematica relativa al Covid19. Quando è stato possibile è ripresa anche l'attività addestrativa e formativa con i vigili del corpo interrotta improvvisamente a seguito dei vari Dpcm (Decreto del presidente del Consiglio dei ministri), delle ordinanze del presidente della Pat (Provincia autonoma di Trento) e delle linee guida della federazione provinciale dei vigili del fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Coronavirus, Trentino in zona gialla ma circondato dall'arancione

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento