Attualità Lavarone

Aperto il bando per gestire le ski area di Lavarone, Brentonico e Predaia

Il bando scadrà il 16 aprile

C'è tempo fino a metà aprile per candidarsi per la gestione delle ski area di Lavarone, Brentonico e Predaia. A darne notizia è stato l'ufficio stampa della Pat che comunica alle società o i consorzi funiviari con almeno tre anni di esperienza interessati all'affare che le candidature vanno presentate entro venerdì 16 aprile. Gli impianti hanno un valore complessivo di 17 milioni di euro e verranno locati da Trentino Sviluppo per un periodo di 6 anni, secondo il regime agevolato delle “stazioni di interesse locale”. Le domande andranno presentate a Trentino Sviluppo. Il testo integrale del bando e i relativi modelli allegati sono disponibili sul sito trentinosviluppo.it.

Requisiti e durata

L’avviso, bandito da Trentino Sviluppo, prevede una locazione a costo determinato nel rispetto degli Indirizzi provinciali approvati nel 2015 per le cosiddette “stazioni di interesse locale”. Potranno presentare domanda le società di capitali o i consorzi con un’esperienza di almeno tre anni nel settore funiviario, in possesso dei requisiti di idoneità professionale e di capacità tecnico-professionale previsti dalla normativa di riferimento. A loro spetteranno gli oneri di gestione, apertura, chiusura, sorveglianza e custodia degli impianti. Le manutenzioni straordinarie rimarranno invece in capo a Trentino Sviluppo. La locazione avrà durata di 6 anni, rinnovabili per altri 6. In sede di valutazione delle domande pervenute, si terrà conto anche dell’entità e del tipo di investimenti che le società candidate proporranno di eseguire a beneficio della ski-area. 

La novità 

Non sarà possibile prendere in gestione soltanto alcuni impianti, perché la locazione riguarderà l’intero sistema di asset della ski-area della località prescelta. Nello specifico, la ski area di Lavarone, del valore di oltre 6 milioni di euro, comprende l’impianto di innevamento artificiale “Rivetta e Laghetto” e quello di “Malga Rivetta”, gli impianti funiviari “Ust”, “Bertoldi Tablat” e “Sonneck-Tablat” e “Malga Laghetto – Passo Vezzena”, gli impianti di rete per l’alimentazione di generatori di neve artificiale di Luserna e Folgaria e le linee di produzione costituite da condotte idriche e relative opere accessorie per la produzione della neve.

La ski area di Brentonico, del valore di 9,7 milioni di euro – ingloba la stazione di pompaggio e innevamento del comune di Brentonico, l’impianto di innevamento delle stazioni di Polsa e San Valentino, l’impianto a fune “Rosa del sole” e numerose strutture accessorie. La ski area della Val di Non comprende infine, per un valore di 1,6 milioni di euro, la sciovia monoposto “Ciasazza”, l’impianto “Campi da golf – Malga Mezzavia” e “Monte Nock – Ruffrè”, il nastro trasportatore mobile della “Ski area Predaia” e gli impianti di innevamento collegati. Le manifestazioni di interesse andranno inviate tramite pec.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aperto il bando per gestire le ski area di Lavarone, Brentonico e Predaia

TrentoToday è in caricamento