menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal 4 maggio nuovo modulo per l'autocertificazione: ecco come scaricarlo

Cambiano le regole, e cambia il modulo per l'autocertificazione. Qui tutte le informazioni

Sul sito del Viminale è disponibile il nuovo modello di autocertificazione per gli spostamenti utilizzabile a partire da lunedì 4 maggio. Può comunque essere ancora utilizzato il precedente modulo barrando le voci non più attuali. L'autocertificazione, secondo quanto spiegato dal ministero, è in possesso degli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo. Ecco il modulo in formato pdf: Modello autodichiarazione 4 maggio 2020\

Anche dopo l’ultimo Dpcm, infatti, resta obbligatorio giustificare tutti gli spostamenti consentiti nella fase 2: l'ultimo decreto conferma la possibilità di muoversi dal proprio domicilio o residenza per comprovate esigenze lavorative, per motivi di assoluta urgenza, per far ritorno al proprio domicilio o residenza, per ragioni di salute, per svolgere attività sportiva/motoria all’aperto o per situazioni di necessità, ampliando la casistica in cui si applica questa fattispecie. 

Rientrano tra i casi di necessità anche gli spostamenti per incontrare i propri congiunti, per quanto venga comunque raccomandato di limitare al massimo questo tipo di incontri, proprio per non aumentare il rischio di diffusione del contagio (mantenendo il distanziamento sociale e l’utilizzo delle mascherine). E' anche possibile accompagnare i propri figli minorenni al parco e spostarsi nell’ambito della propria regione per far visita nei cimiteri ai defunti, sempre mantenendo le norme di distanziamento sociale.

Il modulo di autocertificazione potrà non servire quando si va al lavoro

In caso di controlli da parte delle forze dell’ordine, i cittadini devono essere sempre in grado di fornire un giustificato motivo per i propri spostamenti. In tal senso, sarà dunque ancora necessario esibire o compilare un’autocertificazione, utilizzando anche il precedente modello. Cambia però la modalità di giustificazione per comprovate esigenze lavorative. In tal caso, infatti, l’autocertificazione può essere sostituita da una "adeguata documentazione fornita dal datore di lavoro idonea a dimostrare la condizione dichiarata". In altre parole, sarà possibile giustificare lo spostamento per motivi di lavoro esibendo un tesserino o un documento che attesti la propria condizione lavorativa, senza dover compilare l’autocertificazione. Le forze di polizia potranno comunque richiedere la compilazione dell'autocertificazione qualora lo ritenessero necessario, riservandosi poi un controllo ex post delle dichiarazioni rilasciate.

Il modulo di autocertificazione per la visita a un congiunto

Per tutti gli altri casi, "le circostanze giustificative di tutti gli spostamenti ammessi, in caso di eventuali controlli, possono essere fornite nelle forme e con le modalità consentite". Tradotto: con il modulo di autocertificazione. Anche nel caso di visita necessaria ad un congiunto si deve usare il modulo dell’autocertificazione, e per rispetto della privacy non devono essere indicate le generalità del "congiunto" dal quale si va in visita. La circolare del Viminale ribadisce anche la definizione di congiunti e cioè "i rapporti di parentela, affinità e di unione civile, nonché le relazioni connotate da duratura e significativa comunanza di vita e di affetti (ovvero fidanzati/e maggiorenni/e non conviventi ndr).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Attualità

L'estate 2021 tra distanziamento e mascherine: come sarà

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Cucciolo di orso trovato morto sul Monte Bondone

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, i dati del 6 maggio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento