Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assalto al Casteller, Dorigatti di Oipa contro gli attivisti: la rappresentante trentina invita a non fare rumore

La rappresentante trentina è stata ripresa da un'altra animalista che le ha riservato parole di stima e sostegno

 

È stato girato anche un video dall'animalista Ruth Pozzi a Ornella Dorigatti, la rappresentante delegata Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) Trento durante la manifestazione al Casteller di domenica 18 ottobre 2020. Nel video, Dorigatti spiega agli attivisti che gli orsi all'interno del Casteller non sopporterebbero i rumori prodotti dalle molte persone presenti e chiede di rispettare la siotuazione e gli animali. 

«Quando ho ascoltato queste parole di Ornella Dorigatti davanti al recinto del #Casteller a #Trento, ho visto la forma più alta e pura dell'#animalismo che è mettere davanti a tutto, davanti a noi "umani, il bene di un #animale - scrive Pozzi nel in un post di Facebook -. Un discorso breve che unisce il profondo #rispetto per gli #orsi chiusi al Casteller, la preoccupazione che non venissero impauriti da rumori e suoni (con il rischio di essere sedati). Questo atteggiamento, che sintetizza il mettersi un passo indietro per tutelare il benessere degli animali, è la prova più illuminata di chi li ama sul serio, li conosce e non vuole vederli soffrire, nemmeno per poche ore. È un #insegnamento per tutti, me per prima, di quanto equilibrio sia necessario per conciliare le lotte a difesa di un animale con le esigenze stesse di quell'animale. Una grande lezione di cui farò tesoro. Perché c'è sempre da imparare dagli altri, soprattutto da chi, ogni giorno, vive sul posto la #tragedia del maltrattamento animale. #orsiliberi».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrentoToday è in caricamento