Asili, il Comune di Trento: "Non ci sono le condizioni per ripartire a giugno"

Lo ha detto l'assessore con delega per le materie della partecipazione, innovazione, formazione e progetti europei, Chiara Maule

Repertorio

Non esistono le condizioni per riaprire gli asili a partire dall'8 giugno. A dirlo è l'assessore del Comune di Trento con delega per le materie della partecipazione, innovazione, formazione e progetti europei, Chiara Maule.

"Noi vorremmo essere pronti per ripartire - ha affermato Maule - perché è quello che abbiamo chiesto da mesi e ci siamo anche attivati con una relazione che abbiamo lasciato alla Provincia insieme a Rovereto e Pergine. Ma non ci sono ancora le linee guida definitive necessarie".

In primis infatti non è ancora chiaro se sarà possibile assumere nuovo personale - visto che il protocollo prevede una diminuzione di bambini per ogni educatrice. "Su questo la Provincia non ci ha ancora detto nulla", ha affermato l'assessore.

"A partire solo dalla scorsa settimana - si legge in una nota - la Pat ha attivato un tavolo di lavoro, cui partecipa anche una pedagogista del Coordinamento pedagogico comunale assieme ai referenti pedagogici di altre realtà del territorio, per l'elaborazione di linee guida pedagogiche per la riapertura dei servizi socio educativi 0-3. Solo dal momento in cui le linee guida per la riapertura dei servizi 0-3 (relative sia alla parte sanitaria che a quella pedagogica) saranno definitive, sarà possibile verificare tempi e modi della ripartenza in condizioni di sicurezza per bambini, genitori e personale preservandone la qualità educativa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'annuncio di Fugatti

"La volontà è di aprire il prima possibile, vogliamo mettere le famiglie nelle condizioni di decidere se mandare i propri figli all'asilo nido ed alla scuola materna da lunedì 8 giugno". Queste erano state le parole del presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti durante la diretta di aggiornamento sulla situazione coronavirus in Trentino, martedì 26 maggio. "Serve però - aveva aggiunto il governatore - un'ordinanza. A livello nazionale l'apertura degli asili nido e delle scuole materne non è nemmeno presa in considerazione nel Dpcm di Conte, che nomina solamente la riapertura dei centri estivi il 15 giugno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Giornate Europee del Patrimonio 2020: in Trentino musei aperti e attività al Mart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento