Mercoledì, 12 Maggio 2021
Attualità Centro storico / Piazza del Duomo

Assistenza domiciliare anziani, il Comune: "Gli operatori devono mostrare il tesserino"

Un caso che, seppur isolato, ha spinto il Comune e la Cooperativa Sad a ricordare che gli operatori sono tenuti a qualificarsi a richiesta

Solo il personale autorizzato può entrare nelle case degli anziani, che possono in qualsiasi momento chiedere agli operatori di esibire il tesserino, Lo ribadisce il  Comune di Trento dopo un caso purtroppo segnalato da una persona anziana: una persona non meglio qualificata si è presentata alla sua porta per l'assistenza domiciliare, senza averne autorizzazione.

Il Servizio Attività Sociali e la Cooperativa Sad, che gestisce per conto dell'amministrazione comunale l'assistenza domiciliare, in seguito alla vicenda hanno diffuso un comunicato nel quale ricordano che gli operatori che prestano servizio a domicilio devono sempre qualificarsi, anche esibendo a richiesta l'apposita tessera. 

Proprio per evitare spiacevoli equivoci ed ingressi di persone non autorizzate al domicilio degli utenti, la Sad provvede ad avvisare preventivamente dell'arrivo dell'operatore, specificandone le generalità.

Nei frequenti casi di assistenza prolungata, si legge nella nota, gli operatori che svolgono il servizio spesso sono gli stessi e quindi stabiliscono un rapporto di conoscenza diretta con gli assistiti. In ogni caso sono tenuti in qualsiasi momento a qualificarsi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assistenza domiciliare anziani, il Comune: "Gli operatori devono mostrare il tesserino"

TrentoToday è in caricamento