menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un fotogramma del trailer

Un fotogramma del trailer

Trent'anni di «protezione»: un video racconta la storia della Protezione civile del Trentino

La conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 16 ottobre alle 15.30 al Muse di Trento

Sono trascorsi quasi 30 anni dalla legge che istituiva nel 1992 la Protezione civile del Trentino. Nell'ambito della settimana nazionale della Protezione Civile italiana e trentina, venerdì 16 ottobre, alle ore 15.30, al Muse di Trento, verrà proiettato nel corso di una conferenza stampa «30 anni di Protezione», un video che racconta l'avventura straordinaria, attraverso sei protagonisti che hanno guidato la Protezione civile trentina per tre decenni: Nicola Salvati, Claudio Bortolotti, Raffaele De Col, Roberto Bertoldi, Stefano de Vigili, Gianfranco Cesarini Sforza.

Il filmato è stato realizzato dalla Provincia autonoma di Trento, dalla Protezione Civile del Trentino e dalla Fondazione Museo storico del Trentino. Alla presentazione interverranno il governatore del Trentino Maurizio Fugatti, il dirigente generale del settore Raffaele De Col e il giornalista Paolo Tessadri. 

La narrazione all'interno del video mette al centro gli eventi a cui sono state chiamate a operare 15mila persone fra professionali e volontari, in Trentino, ma anche in altre regioni italiane e all’estero. Nel 2011 fu introdotta una nuova legge che riorganizzava, in parte, il sistema di protezione civile con riguardo alla prevenzione e alla sicurezza del cittadino e del territorio. Norme che completano e integrano la legge precedente del 1992.

Il Trentino, insieme all’Alto Adige, ha oggi un’organizzazione unica in Italia: il dirigente generale è a capo di tutto il sistema della Protezione civile e questo permette alla struttura una maggiore efficienza ed efficacia. La Protezione civile è un patrimonio collettivo da preservare e favorire, dove i valori umani sono fondamentali. Il filmato racconta una storia che va da Cernobyl fino al Covid 19, passando per la tragedia di Stava. Per la grande esperienza accumulata negli anni, la Protezione civile trentina è la coordinatrice di tutte le Protezione civili regionali. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento