menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, la lettera di uno studente a Fugatti: «costretti a vivere in un mondo virtuale»

La lettera è arrivata anche in redazione

Dpcm, decreti legge, chiusure e disposizioni. La vita da inizio 2020 è cambiata moltissimo, nuove le abitudini che tutti hanno adottato perché divenute nuove necessità. La scuola è un settore pesantemente colpito dalle restrizioni e dalle scelte che questa pandemia ha portato nella vita di tutti. Anche i giovani, futuro del paese, continuano a far sentire la loro voce.

Nei giorni scorsi è arrivata una lettera in redazione scritta da Alessio, uno studente del liceo Galiliei di Trento e rivolta al presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. Una lettera in cui il giovane riflette su questo anno di vita "sprecato".  

Gentile Presidente Fugatti, Mi chiamo Alessio Martello, ho 14 anni e frequento il mio primo anno al liceo Galilei, avrei preferito viverlo molto diverso. E’ passato un’anno da quel terribile giorno, la parola lockdown mi torna ancora nella mia mente, mi sento di dire che viviamo ancora nell’incertezza, tanti mesi di didattica a distanza che, ha coinvolto tanti ragazzi. Posso definire quest’anno appena trascorso un anno sprecato, siamo stati e siamo ancora costretti a vivere in un mondo virtuale, con questa chiusura ho capito quanto sia importante uscire con gli amici, andare fuori e relazionarsi “in presenza”. All’improvviso ci siamo ritrovati soli a gestire la scuola con la DAD e le nostre amicizie a distanza. La scuola la posso definire il luogo dove si apprende e dove si costruiscono relazioni con gli altri al di fuori della famiglia. All’inizio di quest’anno scolastico ho perso quasi 1 mese di lezioni in presenza per malattia, adesso faccio fatica a concentrarmi, avendo perso molti riferimenti. Mentre lo scorso anno era una novità la DAD, un gioco fare lezione da casa e vedere i miei amici al computer, adesso posso dire che non mi piace, sono stanco di non andare tutti i giorni a scuola e non poter andare a studiare a casa di un amico; quest’anno ho cominciato un nuovo percorso scolastico, ho conosciuto nuovi amici e credevo di essere sempre in presenza a scuola, purtroppo non è stato così.  Spero che passi in fretta questo brutto periodo e poter ritornare ad una vita normale, come quella prima del famoso Marzo 2020. Appena finirà tutto mi piacerebbe incontrarla di persona Alessio Martello

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento