rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Servizi / Ala

Non hai l'auto? Ecco il trasporto a chiamata (verso il centro)

Dopo il progetto "Ti ascolto", ecco una nuova iniziativa alense a favore dei cittadini che hanno necessità di un aiuto per gli spostamenti

Un mezzo accompagnerà ad Ala centro chi risiede nelle frazioni, per fare compere, commissioni o anche, il sabato sera, i giovani, per permettere loro di incontrare gli amici in sicurezza. È il nuovo progetto, sperimentale, che parte a gennaio, a favore di chi non dispone di un'automobile. Fa parte delle iniziative volute dall'amministrazione per aiutare le fasce più deboli, o che non hanno possibilità di utilizzare un mezzo, della popolazione.

Il “trasporto a chiamata” è un'integrazione a quanto già fa il trasporto pubblico sul territorio. Il territorio di Ala è vasto, ci sono frazioni e sotto-frazioni, spesso è necessaria la macchina per recarsi nel centro principale, dove si trovano uffici, municipio, ambulatori, banche e altri servizi. Non tutti hanno un mezzo privato. Ecco quindi che l'amministrazione ha pensato a un servizio di trasporto a chiamata in collaborazione con il Consorzio Trentino Autonoleggiatori. Sarà sperimentale e gratuito per tutto il 2022. Sarà a disposizione di chi non ha mezzi propri per recarsi ad Ala centro per andare in Comune, in banca, al centro sanitario, fare acquisti, partecipare ad attività. Il servizio sarà disponibile il giovedì, dalle 8 alle 18 in orario continuato ed il sabato dalle 8 alle 12 e dalle 20 alle 24, quest'ultima fascia oraria tutta dedicata ai giovani. Il trasporto a chiamata si prenoterà tramite il servizio ctago.it, su app o sito Internet, o, a breve, anche sul numero di cellulare 366 6598849, gestito da operatori dello sportello al cittadino pArLA o del centro diurno anziani. Il circolo pensionati di Santa Margherita darà supporto agli anziani per l'uso della app.

“Contiamo molto su questo servizio - commenta l'assessore Stefano Gatti, competente in materia di trasporti - è indirizzato alle fasce più deboli della popolazione proprio nell’intento di cercare di coniugare il rispetto dell’ambiente con la possibilità di aumentare la socialità nella popolazione, in un momento in cui sia la questione ambientale sia il tema sociale sono delle priorità per qualsiasi amministrazione.”

L'assessora alle politiche giovanili Michela Speziosi ha voluto estendere il servizio al sabato sera: “Auspichiamo che il servizio venga sfruttato soprattutto dai nostri ragazzi delle frazioni che spesso hanno lamentato la difficoltà di raggiungere gli amici ad Ala soprattutto nelle ore serali, si tratta di una servizio gratuito e quindi accessibile sia dal punto di vista economico che organizzativo, basta una semplice chiamata. È una bella opportunità che se colta potrà essere portata avanti nel tempo e magari potenziata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non hai l'auto? Ecco il trasporto a chiamata (verso il centro)

TrentoToday è in caricamento