rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Attualità

Siccità, per sistemare gli acquedotti trentini servono 400 milioni di euro

A dirlo è l'assessore provinciale all'Ambiente Tonina. Cavada (Lega): "In alcuni Comuni la dispersione dell’acqua arriva al 30%"

In alcuni Comuni del Trentino la dispersione di acqua negli acquedotti arriva al 30 per cento. A dirlo è stato il consigliere leghista Gianluca Cavada giovedì 23 giugno in Terza commissione. “È uno spreco enorme - ha affermato -: la Provincia dovrà trovare le risorse necessarie a un intervento”. “Per sistemare l’intero sistema acquedottistico del Trentino sarebbero necessari 400 milioni di euro”, è stata la pronta risposta dell’assessore provinciale all’Ambiente, nonché vicepresidente della Giunta Mario Tonina. Risorse che la Provincia in questo momento non ha.

Il problema non è nuovo, ma in questo momento è aggravato dalla siccità che ha colpito l’intero Paese. Il Trentino non è ancora in emergenza idrica come altri territori e, anzi, sembra intenzionato a sostenere gli approvvigionamenti dei territori confinanti dando maggiore disponibilità di acqua anche a beneficio di Veneto ed Emilia-Romagna. Ma le prospettive non sono rosee: “Da noi - ha detto Tonina - la situazione non è ancora drammatica perché i compiti li abbiamo fatti. Ma vi sono Comuni dove le fontane di notte sono già chiuse a causa delle gravi perdite degli acquedotti”.

Per l’assessore è necessario investire parte delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) in questa direzione: “In assenza di significative precipitazioni, anche l’Adige rischia di non ricevere più acqua dallo scioglimento delle nevi e anche il Trentino potrebbe trovarsi ad attraversare un’estate molto difficile”.

Per Franco Pocher, ingegnere dell’agenzia provinciale delle risorse idriche e dell’energia (Aprie), serviranno interventi infrastrutturali per aumentare la resilienza attraverso l’interconnessione delle reti e il mantenimento della loro efficienza. Occorrerà costruire serbatoi e, soprattutto, introdurre misuratori per disporre dei dati puntuali sull’andamento della situazione. 

Per la consigliera di minoranza Lucia Coppola (Verdi) è importante che “la Provincia adotti soluzioni che non impoveriscano il patrimonio di fiumi, laghi e torrenti del Trentino, tutti già in sofferenza”. Un fronte su cui intervenire da subito potrebbe essere il recupero dell’acqua piovana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità, per sistemare gli acquedotti trentini servono 400 milioni di euro

TrentoToday è in caricamento