Trento, assembramenti in piazza. Ianeselli: «Scene come questa non possono essere accettate»

Nonostante le restrizioni adottate da ormai qualche giorno e le raccomandazioni, la piazza della città si riempie e scatena le ire di governatore e sindaco

Trento in uno scatto di sabato 14 novembre (Facebook/Franco Ianeselli)

Inaccettabile. Questo è ciò su cui sia Maurizio Fugatti, presidente della Pat (Provincia autonoma di Trento) sia il sindaco di Trento Franco Ianeselli concordano guardando la foto che ha fatto il giro del web e che è arrivata direttamente nei telefonini dei vertici. 

«Questa è una foto che ho appena ricevuto e che testimonia la situazione di queste ore in centro a Trento - scrive Ianeselli sulla sua pagina -. Scene come questa non possono essere accettate.
Vedere questi assembramenti dimostra che troppe persone non hanno ancora compreso la difficile battaglia che il nostro Paese sta combattendo. Una battaglia che dipende dai nostri comportamenti. Intensificheremo radicalmente i controlli, siamo pronti a intervenire con misure più restrittive, ma tutto questo non basterà se ancora in troppi non rispetteranno le indicazioni sanitarie e, aggiungo, il buonsenso».

Sgomento condiviso dalla Provincia, dove la stessa immagine è stata mostrata durante la diretta Facebook di sabato pomeriggio, dove sono stati illustrati i dati del report giornaliero dall'assessore Stefania Segnana ed è stato comunicato dal presidente Fugatti che la nuova ordinanza restrittiva è stata firmata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento