Calcio, per il Trento la sfida decisiva per restare nel play off

Bisognerà attendere il match in programma a Travagliato questo pomeriggio per sapere se il Trento riuscirà o meno a passare il primo turno della griglia play off che consentirebbe l'accesso alla serie D

Tutto rinviato. Bisognerà attendere il match in programma a Travagliato questo pomeriggio per sapere se il Trento riuscirà o meno a passare il primo turno della griglia play off che consentirebbe l’accesso alla serie D. In terra lombarda, calcio d’inizio alle ore 16, i gialloblù partiranno dallo zero a zero maturato al Briamasco nella gara d’andata. Una partita, quella giocata nello stadio del capoluogo, che ha visto i ragazzi allenati da Marco Melone rendersi davvero pericolosi solamente nel primo quarto d’ora quando gli aquilotti hanno sprecato almeno tre occasionissime per portarsi in vantaggio, dopo la sfuriata iniziale gli avversari sono riusciti a prendere le misure dei padroni di casa meritandosi il pareggio.

Eh sì, perché se da una parte è vero che il portiere del Trento non si è neppure sporcato i guanti, dall’altra non si può certo dire che l’estremo ospite sia stato protagonista di chissà quali interventi: insomma i gialloblù hanno avuto una supremazia territoriale indiscutibile però si sono fatti ingabbiare da un undici che ha chiuso la regular season in Lombardia al quarto posto. “In primis era importante non subire reti- esordisce Melone- anche se è tanta l’amarezza per non essere riusciti a segnare nemmeno una nonostante diverse situazioni favorevoli da noi create. Sapevamo che l’Aurora sarebbe stato un avversario di tutto rispetto, d’altra parte non si arriva a questo punto dei play off a caso, ma mi sembra che la nostra supremazia sia stata evidente. Forse è mancata lucidità sotto porta ma non posso davvero rimproverare nulla ai miei ragazzi”. 
 
Che partita si aspetta il tecnico del Trento a Travagliato: “Sarà senza ombra di dubbio una battaglia. Per quanto ci riguarda credo che riusciremo a recuperare un pezzo da novanta come Morano, un giocatore che in mezzo alla difesa fa reparto quasi da solo. Lasciatemi dire però che Pancheri, il nostro capitano, si è comportato benissimo in un ruolo non suo. Schiererò una formazione che cercherà da subito il vantaggio senza inutili tatticissimi o difensivismi. Di fatto a Travagliato andremo a giocarci una finale, e in una partita del genere è fondamentale segnare per primi”. Il tecnico del Trento continua spiegando che “dopo un mese senza partite ufficiali ero molto curioso di capire se la squadra avrebbe avuto nelle gambe i novanta minuti, devo dire che anche sotto questo profilo sono molto soddisfatto. I ragazzi hanno tenuto un ritmo molto elevato per tutta la durata del match anche se di fronte avevamo un undici che praticamente non si è mai fermato”. Per la cronaca nell’altra semifinale play off, ricordiamo che la vincente affronterà per l’appunto gli aquilotti o l’Aurora, il Vallesturla (formazione genovese) si è imposta a sorpresa per una rete a zero contro i super favoriti del Borgomanero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento