Dopo l'infortunio Sofia Goggia in Val di Fassa prepara l'assalto ai Mondiali 2019

Più determinata che mai, dopo lo stop per l'infortunio al malleolo, la discesista azzurra è a Passo San Pellegrino per allenarsi

Sofia Goggia, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Pyeongchang 2018, vincitrice della Coppa del mondo di discesa libera 2018 e detentrice del record di 13 podi ottenuti in una sola stagione della Coppa del Mondo ha scelto le piste della Ski Area San Pellegrino in Val di Fassa per preparare il rientro dopo lo sfortunato infortunio al malleolo che l'ha vista coinvolta lo scorso ottobre. 

Per lei, campionessa autentica, determinata a tornare competitiva il più presto possibile, sessioni di allenamento sulla pista Le Coste, tracciato molto largo e dalla pendenza media ideale sia per le prove veloci che per le prove tecniche. Arrivata martedì 15 gennaio allo Chalet Cima Uomo, la discesista classe 1992 rimarrà nei prossimi giorni sulle piste del Passo San Pellegrino con un obiettivo ben fissato in mente: i Campionati Mondiali di Are 2019, appuntamento al quale l'azzurra vorrà dare battaglia.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Attualità

    Arrivano i turisti: già oggi code verso il Garda

  • Green

    Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Attualità

    Tagli all'accoglienza: cinque addetti ai pasti perdono il lavoro

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • Muore a 19 anni dopo un malore in piscina

  • Dimostrazione a scuola con il cane antidroga, poi i carabinieri fermano un ragazzo

Torna su
TrentoToday è in caricamento