Tutto pronto per la 40esima edizione della Marcialonga

La Marcialonga taglia il prestigioso traguardo delle 40 edizioni. La competizione che è considerata la granfondo per eccellenza in Italia domenica prossima spegnerà infatti proprio quaranta candeline

Quei 70 chilometri di lunga marcia sugli sci lungo le vallate trentine di Fiemme e Fassa hanno accolto circa 200 mila concorrenti dal lontano 1971. E’ ancora definita “popular race”, perché attira l’attenzione non solo degli specialisti del fondo italiano e mondiale, ma anche e soprattutto di migliaia di bisonti, come vengono chiamati amichevolmente i marcialonghisti, che attendono la gara per un anno intero e che “bruciano” le iscrizioni con largo anticipo. Per il 2013 il totale iscritti si è fermato, o meglio è stato fermato dagli organizzatori, a 7.500 fondisti provenienti da 32 paesi, ennesimo record da tutto esaurito per la regina delle granfondo italiane, dove sono state scritte pagine indimenticabili di straordinarie imprese sportive. Ai piedi delle Dolomiti si sono alternati in gara campioni e campionesse di fama globale, da Franco Nones a Petter Northug, da Jorgen e Andres Aukland a Thomas Alsgaard e Jerry Ahrlin, da Maria Canins Bonaldi a Hilde Pedersen e da Gabriella Paruzzi a Sussane Nystrom, solo per citare la punta di un icerberg davvero fitto di giganti della neve. Tra i punti di forza della Marcialonga un ruolo da protagonista lo ricopre ovviamente la location quanto mai suggestiva, ai piedi delle maestose cime dolomitiche e con un tracciato di gara affascinante tra boschi secolari e caratteristici paesi. Piacciono inoltre il calore e l’accoglienza della gente delle due vallate, e poi l’atmosfera di grande festa sportiva che coinvolge partecipanti, amici, gente locale e le centinaia di volontari impegnati sul campo. Oltre alla gara di 70 chilometri da Moena a Cavalese, cui si aggiunge una variante “Light” di 45 km da Moena a Predazzo, il week end del 26 e 27 gennaio vedrà al via, allo stadio del fondo di Lago di Tesero, anche la “Minimarcialonga” con i fondisti in erba, la “Marcialonga Stars” con le personalità dello sporto in pista per la solidarietà legata alla Lega Tumori di Trento, la “MarcialongaYoung” con le giovani leve del fondo e, per festeggiare le 40 volte di Marcialonga, la “Story”, con sci, materiali e abbigliamento d’epoca. Tutti vivaci eventi “di contorno” che si terranno in quell’arena iridata che dal 20 febbraio al 3 marzo sarà nuovamente sede del Campionato del Mondo di sci nordico, per la terza volta in Val di Fiemme dopo il 1991 e il 2003.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento