Bambini e nuove tecnologie: a Lavis i genitori scrivono uno spettacolo teatrale

Tradizionale recita scolastica a Lavis: sul palco però non ci sono i figli ma i genitori. Ecco di cosa parla "Guarda che te lo spengo"

"Guarda che te lo spengo". Quante volte giovani e giovanissimi si sentono rivolgere questa frase dai genitori, stufi di vederli con lo sguardo sempre inollato allo schermo di un telefonino? Ora questa frase è diventata il titolo di uno spettacolo, ideato, scritto e perfino recitato dai genitori.

Accade a lavis dove ogni anno la scuola materna organizza la tradizionale recita scolastica: sul palco però non ci sono i bambini bensì i genitori. Il risultato è un racconto dalle parole semplici, che coinvolge e fa riflettere quanto la tecnologia abbia cambiato in bene o in male le abitudini nella famiglia moderne.

Il testo scritto dai genitori stessi, tratta un tema di attualità che fa discutere, ossia il rapporto adulti bambini con le nuove tecnologie. L'appuntamento è per il 16 marzo 2019 alle ore 15.00 e alle ore 17.00, presso l’auditorium della biblioteca di Lavis (TN) con due repliche aperte a tutti con offerta libera.  Il ricavato sarà devoluto alla scuola materna di Lavis al fine di sostenere il rifacimento dell'area giochi dei giardini esterni.

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Sciopero generale dei trasporti il 24 luglio: tutte le info

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Dramma in A22: operaio investito da un'auto, gravissimo

Torna su
TrentoToday è in caricamento