Dislessia: alla Palazzina Liberty libri ad "alta leggibilità", software e supporto didattico

Riapre lo sportello dedicato ai disturbi dell'apprendimento, grazie all'accordo tra la Biblioteca Comunale e l'associazione Peeriscopio

Riapre sabato 15 settembre dopo la pausa estiva nella sala didattica della biblioteca dei bambini e ragazzi nella Palazzina Liberty lo sportello di informazione, sperimentazione e orientamento sui disturbi specifici di apprendimento (Dsa), attivo dallo scorso mese di febbraio, che si occupa di sostegno allo studio e che ha maturato una significativa esperienza nelle attività di accompagnamento allo studio e laboratoriali a favore di bambini e ragazzi con Dsa quali dislessia e disgrafia. 

Allo sportello, un consulente esperto dell’Associazione Periscopio guida le famiglie e i ragazzi nella consultazione e nell’utilizzo di testi, saggi, supporti didattici, libri di narrativa agevolata e audiolibri messi a disposizione dalla Biblioteca relativi ai Dsa. Con l'occasione, la biblioteca ha arricchito la collezione di libri per ragazzi “ad alta leggibilità”, di audiolibri e di manuali di approfondimento per adulti, in gran parte disponibili per il prestito bibliotecario e sempre in consultazione negli orari di apertura della biblioteca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ragazzi possono sperimentare l’utilizzo dei principali software informatici (sintesi vocale, creazione mappe, ...) installati su personal computer appositamente allestiti, potendo contare sul supporto del consulente che li aiuterà nell’utilizzo degli strumenti e comunque in caso di difficoltà. Il consulente è inoltre a disposizione delle famiglie per richieste informazioni, indicazioni, suggerimenti rispetto al tema dei Dsa, in generale. Lo sportello è aperto ogni sabato dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

Torna su
TrentoToday è in caricamento