Piano di accumulo per mandare i figli all'università: ecco come funziona

Per il 2018 potrannno aderire anche gli studenti della classe quarta degli istituti superiori, scadenza il 31 agosto

Piani di accumulo universitari: dall'anno scorso è possibile versare in un fondo provinciale i risparmi per mandare i figli all'università, ottenendo un contributo che può arrivare, a seconda dei casi, fino al 100% della somma versata. 

L'anno scorso sono state presentate 109 domande, di cui 88 accolte per una spesa complessiva di 387.455 euro, ed un importo individuale medio di 1.485 euro. La misura è stata aggiornata dalla Giunta  provinciale su proposta dell'assessora Sara Ferrari per il 2018.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C'è temmpo fino al 31 agosto per aderire al Piano. L'importo è calcolato su base annua: minimo 600 euro all'anno per un periodo di accumulo di 5 anni, che diventano 750 per 4 anni o 1000 per 3 anni; lo stesso dicasi per il versamento massimo, rispettivamente di 1200, 1500 o 2000 euro. Tutte  le informazioni sul sito http://www.provincia.tn.it/investiamosudiloro/.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

Torna su
TrentoToday è in caricamento