Quali lauree aiutano a trovare lavoro più facilmente?

Cosa studiare? Quali laureati o diplomati cercano le aziende? Anche facoltà un tempo solide vedono parecchi disoccupati eppure le aziende denunciano sempre più spesso di non trovare i profili giusti per assumere: ecco le qualifiche più richieste per decidere quale percorso di studi intraprendere

Cosa studiare per trovare lavoro una volta usciti dall'università: una domanda che attanaglia ogni anno gli studenti che ancor prima di iscriversi all'università, impostano il proprio percorso di studi. Per rispondere occorre una buona dose di intuito, ma soprattutto occorre capire le dinamiche che stanno condizionando il mercato del lavoro e che lo porteranno a cambiare ancora nei prossimi anni. 

Laureati ma senza lavoro: come evitarlo

La crisi economica ha investito un po’ tutti i settori e anche facoltà un tempo solide vedono parecchi disoccupati tra i propri laureati. Lo dicono i dati annuali di Almalaurea, l'istituto che raccoglie le statistiche provenienti dagli ateni italiani.

Nel nostro paese solo il 22% di coloro che hanno tra 24 e 35 anni sono laureati e tra questi in tanti hanno pensato che facoltà come lettere, filosofia o giurisprudenza potessero rappresentare le scelte migliori. Ma i dati sono chiari: il mercato del lavoro non cerca laureati in discipline umanistiche, ma in altre materie.

Cosa studiare per trovare lavoro

Partiamo dall'inizio: nonostante tutte le difficoltà che riempiono le pagine di economia dei quotidiani, avere una laurea è un fattore determinante per trovare un buon lavoro insieme alla conoscenza di almeno un altra lingua straniera oltre all'inglese. Secondo gli ultimi dati di Unioncamere in futuro ci sarà sempre meno richiesta di lavori manuali semplici che saranno compito di macchine e robot, mentre crescerà la richiesta di laureati in discipline scientifiche. 

Bene quindi optare per una laurea in StatisticaIngegneriaEconomiaMedicina o Chimica farmaceutica.

Tra i titoli di studio con più chance di lavoro ci sono anche i laureati in indirizzo sanitario e paramedico: il laureato in medicina riesce a trovare lavoro solo dopo 5 anni dalla laurea nel 97% dei casi, mentre le imprese denunciano di faticare a trovare laureati in indirizzo linguistico e ingegneria nelle tre specializzazioni ingegneria elettronica e ingegneria dell'informazione e ingegneria industriale. Non va meglio la caccia ai matematici.

Quali i profili professionali più richiesti?

Allargando lo spettro anche ai diplomati, tra i profili tecnici più ricercati ci sono i diplomati in costruzioni, ambiente e territorio, in meccanica e in elettronica ed elettrotecnica, ma anche i qualificati specializzati in impianti termoidraulici ad indirizzo elettrico e meccanico. 

Bene anche l'indirizzo amministrativo, finanza e marketing, l'indirizzo meccanico e meccatronica e l'indirizzo turismo enogastronomia e ospitalità, tra le qualifiche professionali più richieste dalle aziende.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Scuola

    Scuola e vacanze: ecco il calendario scolastico 2018/2019

  • Scuola

    Risparmiare al supermercato: i trucchi per una spesa intelligente

  • Scuola

    Test di ammissione all'Università di Trento: ecco le date dell'estate

  • Scuola

    Iscrizioni all'anno scolastico 2018/2019 solo online, ecco come fare

I più letti della settimana

  • Tre settimane all'estero per studenti delle superiori: ecco il bando della Provincia

  • Prolungamento d'orario all'asilo: tariffa ridotta del 18%

Torna su
TrentoToday è in caricamento