Al Galilei si studia Medicina fin dal liceo

Un progetto sperimentale per avvicinare gli studenti alla professione medica e prepararli al futuro test d'ingresso universitario

Lezioni aggiuntive ed esperienze operative presso l'Azienda sanitaria per prepararsi al test di medicina. E' questo  l'obiettivo del protocollo firmato dalla Provincia autonoma di Trento con il Liceo Galileo Galilei. 

Il protocollo, oltre all’istituto scolastico, impegna la Provincia autonoma di Trento, l’Azienda provinciale per i servizi sanitari e l’Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri. “E’un esempio – ha sottolineato il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti - di un sistema trentino che collabora e fa squadra in un ambito che ha notevoli ricadute in termini di qualità dei servizi erogati ai cittadini. E’ un’iniziativa rilevante sia dal funto di vista formativo che di orientamento”.

Università: tutte le date dei test d'ingresso

La durata del percorso di studio è triennale, con un totale di 150 ore di lezione, a partire dal terzo anno di corso. Delle 50 ore annuali previste dal corso, 40 si svolgono presso i laboratori del liceo e 10 ore presso le strutture sanitarie. Le 40 ore da svolgere presso il liceo Galilei sono suddivise in 20 ore tenute dai docenti di scienze e 20 ore tenute da esperti medici individuati dall’ordine provinciale.

Dal prossimo anno scolastico si valuterà l’opportunità di estendere questa opportunità ad altre istituzioni scolastiche del territorio che ne facciano richiesta. “Il corso di studi in medicina – ha evidenziato il presidente dell’Ordine dei Medici Marco Ioppi – è particolarmente impegnativo. E’ importante quindi spiegare ai giovani a cosa vanno incontro se scelgono questa strada”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’Azienda provinciale per i servizi sanitari – ha aggiunto il suo direttore generale Paolo Bordon – partecipa volentieri ad un’iniziativa che aiuta a preparare i ragazzi ad una selezione molto severa, facendo anche vedere loro che opportunità esistono per i medici, anche all’interno della struttura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento