Endometriosi, nemica delle donne: se ne parla a Riva del Garda

Le nuove frontiere del trattamento chirurgico: conferenza pubblica per far luce su una malattia subdola, cronica e devastante che colpisce 3 milioni di donne.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Per molti è una perfetta sconosciuta, eppure colpisce in Italia 3 milioni di donne e nel mondo ben 150 milioni. L’endometriosi cambia radicalmente la vita: può occludere le tube, creare aderenze, distorcere gli organi riproduttivi; provocare dolori forti durante il ciclo e l’ovulazione, dolori durante o dopo i rapporti sessuali, dolore pelvico cronico, cistiti ricorrenti, perdite intermestruali e colon irritabile. È una malattia cronica, di cui non si conoscono le cause, è difficile da diagnosticare e non esistono cure definitive, né percorsi medici di prevenzione. Chi ne soffre si sente spesso smarrita, con l’autostima sottozero e i rapporti sociali, la vita di coppia e il lavoro messi a dura prova. L’A.P.E. Onlus (Associazione Progetto Endometriosi) - Gruppo di Trento, con il Patrocinio del Comune di Riva del Garda, organizza sabato 29 settembre dalle 14 alle 17 una conferenza pubblica dal titolo “ENDOMETRIOSI nel 2018, le nuove frontiere del trattamento chirurgico”, presso la Sala Conferenze Rocca in piazza Cesare Battisti 5. Un appuntamento con gli esperti per far luce su una patologia, di cui è fondamentale parlare, per farla conoscere e accorciare i tempi della diagnosi, ma anche per fare in modo che le donne possano rivolgersi a centri specializzati e medici, che sanno trattare la patologia. Interverranno come relatori il Dottor Daniele Mautone e il Dottor Giovanni Roviglione entrambi Dirigenti Medici di I livello del Dipartimento per la tutela della salute e della qualità di vita della donna, U.O.C. di Ostetricia e Ginecologia, International School of Surgical Anatomy IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria, Negrar di Verona. Si daranno indicazioni e si parlerà delle nuove tecniche del trattamento chirurgico dell’endometriosi profonda, un approccio sempre più selettivo e mirato a preservare le funzioni dei visceri pelvici e la qualità di vita della donna. Dal 2005 l’A.P.E. Onlus - un gruppo di donne affette da endometriosi che si basa sul reciproco sostegno, conforto e aiuto - è impegnata in un’importante campagna di sensibilizzazione per informare e aiutare le donne ad affrontare questa malattia dolorosa e invalidante. Incontri di sostegno, conferenze pubbliche, cene sociali, formazione nelle scuole, tavoli informativi sono tra le iniziative organizzate in tutta Italia dalle sue volontarie. La partecipazione alla conferenza è aperta a tutti e gratuita. Info: trento@apeonlus.com A.P.E. ONLUS è un’associazione senza scopo di lucro che nasce nell’ottobre del 2005 su iniziativa di un gruppo di donne, con esperienza di endometriosi vissuta sulla propria pelle o con storie di volontariato attivo in altre realtà. La presidente è Annalisa Frassineti, membro del Consiglio Direttivo e Referente del gruppo di Forlì-Cesena-Ravenna. L’obiettivo principale di A.P.E. Onlus è quello di diramare notizie e informazioni sulla malattia così diffusa, ma così poco conosciuta. Info: 329 3449704 - info@apeonlus.com, www.apeonlus.it

I più letti
Torna su
TrentoToday è in caricamento