Scoperta a Trento: batteri non presenti in Occidente, potrebbero combattere malattie ed allergie

Nel Laboratorio di metagenomica computazionale dell'Università di Trento compilato il più ricco catalogodi batteri del corpo umano: più di 150.000

Nicola Seggata, foto: Alessio Coser Unitn

Più di 5000 specie di batteri, tra cui il “Cibiobacter qucibialis”, dedicato al CiBio di Trento, il Centro di ricerca dove lavorano Nicola Segata e Edoardo Pasolli, coordinatori di una ricerca che sarà pubblicata sulla prestigiosa rivista Cell. Batteri che non erano mai stati descritti, e che compongono come tasselli il grande mosaico del microbioma umano. I genomi ricostruiti sono più di 150.000. Un numero che permette di classificare il loro lavoro come il più ricco "catalogo" mai compilato in questo settore.

Microbioma: la flora batterica si trasmette solo dalla madre

"Abbiamo individuato e catalogato geneticamente un grande numero di batteri e archeobatteri che costituiscono il microbioma umano, ma che finora non erano mai stati analizzati o descritti. Questo permette ora di caratterizzare una frazione sostanziale del microbioma che era rimasta finora nascosta" spiega Nicola Segata.

Fondazione Mach: dal genoma della vite le varietà più resistenti

La sorpresa arriva dalla distribuzione geografica dei 9428 campioni analizzati. Vi sono infatti batteri presenti in popolazioni "non occidentalizzate" che sono scomparsi nelle  altre popolazioni: "Abbiamo osservato molti microrganismi presenti prevalentemente in popolazioni non occidentalizzate e che in occidente sono solo raramente identificati. Probabilmente questo è una conseguenza del complesso processo di industrializzazione".

CiBio, scoperta dell'anno: ecco la molecola-bisturi

Il passo successivo sarà quello di capire se la mancanza di questi batteri nelle popoolazioni "occidentalizzate" sia un punto debole per malattie ed allergie. "Ci siamo soffermati sulle popolazioni non occidentalizzate che non hanno cioè accesso alle diete ad alto contenuto di grassi, agli antibiotici e altri medicinali e sottoposte a condizioni igieniche differenti. Con questo lavoro abbiamo creato i presupposti per per studiare queste specie e capire se possano essere legate all’aumento di malattie autoimmuni, allergie e malattie complesse del mondo occidentale. Pensiamo anche che sia necessario cercare di coltivare e conservare queste specie che, in futuro, si potrebbe pensare di provare a reintrodurre nelle popolazioni occidentalizzate". 

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

Torna su
TrentoToday è in caricamento