Ugo Rossi candidato del centrosinistra alle provinciali: arriva l'ok del PD

Il segretario PD Muzio: "A fronte di un Patt che è pronto a rompere se non si conferma Rossi e all'Upt che dall'altra guarda ai Civici, noi sentiamo la responsabilità di non buttare via vent'anni di coalizione"

Alla fine il via libera del PD ad una ricandidatura di Ugo Rossi è arrivato. Lo rnde noto il ccoordinamento  provinciale del partito. Un via libera che sa, però, di compromesso: «A fronte di un Patt che è pronto a rompere se non si conferma Rossi e all'Upt che dall'altra guarda ai Civici, noi sentiamo la responsabilità di non buttare via vent'anni di coalizione di centrosinistra autonomista» queste le  parole del segretario provinciale PD Giuliano Muzio.

La ricandidatura dell'attuale presidente della Provincia sarebbe quindi frutto più che altro dell'ostinazione del Patt. Una scelta che riconferma però i "vent'anni di coalizione" di centrosinistra autonomista in Trentino, a fronte di possibili virate a destra del partito autonomista. Resta quindi in stand by la posizione dell'Upt che potrebbe decidere di lasciare la coalizione per abbracciare un ipotetico centro lanciato in questi giorni dall'onorevole Mauro Ottobre, che sta tentando di "federare" tutti i soggetti che si sono dichiarati autonomi rispetto al centrosinistra: dai Civici di Valduga alla terzetto Gios-Kaswalder-Borga, dalla  lista dell'assessore Daldoss al  movimento dell'ex presidente  degli Artigiani tentinii Roberto de Laurentis. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento