Vigilanza privata sui treni per controllare 'portoghesi' e sicurezza del personale

Sulla tratta ferroviaria Verona-Bolzano, dove ogni giorno diverse persone a bordo del treno che parte alle 6.27 da Verona, pagano soltanto il biglietto Verona-Domegliara (2 euro e 60 cent) per poi percorrere l'intera tratta, chi fermandosi a Rovereto, chi a Trento

La Provincia di Trento collaborerà con Trenitalia per istituire una vigilanza privata sui treni per controllare i biglietti e la sicurezza a bordo sulla tratta da Trento a Verona. Lo scrive l'assessore provinciale ai trasporti, Mauro Gilmozzi, rispondendo ad una interrogazione presentata da Claudio Civettini (Civica). Il consigliere aveva  riportato di problemi sulla tratta ferroviaria Verona-Bolzano, dove ogni giorno diverse persone a bordo del treno che parte alle 6.27 da Verona (Regionale 2744), pagano soltanto il biglietto Verona-Domegliara (2 euro e 60 centesimi) per poi percorrere l'intera tratta, chi fermandosi a Rovereto, chi a Trento e via via fin su a Bolzano. Il tutto a spese dei contribuenti. Gilmozzi risponde che "Il fenomeno riguarda in particolare, scrive Gilmozzi, "cittadini stranieri domiciliati a Verona, che alla luce dei divieti locali per accattonaggio o altro si dirigono verso nord acquistando un biglietto al minimo prezzo indispensabile per poter salire sui treni e poi contare sulla eventuale mancanza di controlli a bordo, cosa che viene fatta analogamente per le corse che da Trento vanno verso sud".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se Trenitalia, nell'ambito della propria autonomia organizzativa, intenderà accedere all'opzione della vigilanza, la Provincia concorrerà, ma in ogni caso saranno messi in campo ulteriori correttivi, che vanno dal potenziamento dei controlli in partenza, a forme di eventuale revisione del sistema tariffario (che in ipotesi costringa all'acquisto di biglietti a chilometraggio più lungo), a forme di impedimento fisico alla salita in stazione sia in entrata sia in uscita alle persone prive di titolo di viaggio (scenario che richiederà la collaborazione agli investimenti da parte di Rfi, responsabile degli impianti di stazione). L'assessore ricorda inoltre che "Presso il Commissariato del governo è stato confermato come la Provincia abbia già previsto, nell'ambito del contratto di servizio, di intervenire e cofinanziare iniziative del gestore Trenitalia (unico responsabile per la corretta gestione del servizio e dei passeggeri e relativo pagamento) per attivare forme di vigilanza privata che possano presidiare, in particolare nelle fermate più delicate di Domegliara e Borghetto - Ala, l'attività del capotreno, da solo impossibilitato a gestire il controllo che può sfociare in qualche intemperanza dando conseguentemente adito ad episodi inaccettabili che minano la fiducia dei cittadini rispetto alla sicurezza dei servizi ferroviari locali". Nel frattempo, precisa ancora Gilmozzi, continueranno le azioni della Polfer per costringere alla discesa gli utenti irregolari, "con inevitabili disservizi per la regolarità del servizio che, in tali situazioni, subisce ritardi o anche soppressioni". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento