Insulti razzisti alla dottoressa, Olivi: "Non si tratta di maleducazione ma di diritti"

L'assessore Segnana parla di "rispetto per i medici" ma il consigliere PD insorge: "L'uguaglianza è un diritto al di là del ruolo sociale"

"Non è questione di educazione, ma di diritti". Non tarda ad arrivare la presa di posizione del PD sul caso degli insulti razzisti rivolti da un paziente ad una dottoressa del Pronto Soccorso di Borgo Valsugana. A parlare è il consigliere Alessandro Olivi, ed il suo messaggio è più che altro una risposta all'assessore provinciale alla Sanità Stefania Segnana che sul caso ha espresso massima solidarietà alla dottoressa.

Nel comunicato in cui condanna l'episodio Segnana scrive che "rispetto e buona educazione sono le prime regole da osservare e far rispettare. A maggior ragione se stiamo ragionando di settori delicati come quello sanitario". Una frase che non è piaciuta ad Olivi, che puntualizza: "Il razzismo non è maleducazione assessore Segnana: è razzismo e basta! L’uguaglianza dei cittadini a prescindere dalla loro razza, colore della pelle e opinioni è un diritto come è un dovere di chi rappresenta le Istituzioni difenderlo".

Insomma, quando si tratta del colore della pelle, il rispetto va garantito a tutti, certamente non solo ai medici. L'intervento dell'assessore Segnana parlava invece di orgoglio per i "camici bianchi", "a tutti i medici", ai quali "dobbiamo garantire di poter svolgere il proprio lavoro in sicurezza". L'assessore riferisce inoltre che "non è la prima volta" che ciò accade. La connotazione razzista però, secondo Olivi, fa di questo caso un caso particolare.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Rientro dal Ferragosto: A22 da "bollino nero"

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

Torna su
TrentoToday è in caricamento