Un comune unico per il Primiero: la petizione per i candidati sindaci del 2015

La proposta è vecchia quanto le Pale di San Martino ma ha trovato poco favore da parte degli amministratori e degli abitanti: unire gli otto comuni presenti in pochi chilometri quadrati in uno solo. In tempi in cui risparmiare è la parola d'ordine forse l'idea potrebbe trovare più consensi

Hanno raccolto più di duecento firme in poche ore allestendo dei gazebo in piazza a Fiera di Primiero domenica scorsa, ma ne stanno raccogliendo altrettante su internet i promotori della petizione per unire gli otto comuni del Primiero. I proponenti sono consiglieri della Comunità di Valle Daniele Gubert e Paolo Meneguz e l'ex assessore della comunità Maurizio Gaio, dimessosi proprio per le difficoltà incontrate nella realizzazione della fusione, di cui si è sempre dichiarato sostenitore. La petizione si rivolge ai candidati sindaci delle elezioni amministrative 2015 affinchè si muovano per promuovere un referendum sul comune unico: "Ovviamente stiamo parlando di costituire un Comune Unico che metta fine all'enorme spreco di risorse pubbliche rappresentato dai 700.000 Euro che ci costano ogni anno gli amministratori (altri 600.000 li spendiamo per i segretari degli enti); un Comune Unico che metta fine all’inutile guerriglia tra livelli amministrativi che ha caratterizzato gli ultimi anni, a scapito della capacità di prendere decisioni, a danno della continuità dei servizi ai cittadini" spiegano i promotori. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente, motociclista morto, due feriti e veicoli carbonizzati a Nomi

  • Un rombo fortissimo, aerei da guerra sopra Trento: ecco perchè

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

Torna su
TrentoToday è in caricamento