Ciclabile sul Garda: ora tocca al Trentino proseguire l'anello

Sopralluogo del presidente Fugatti per il collegamento Limone-Riva: "Opera prioritaria ma occorre vedere quali sono i progetti e trovare le risorse"

La ciclabile panoramica sul Garda a Limone, in territorio veneto a pochi passi dal confine con il Trentino, è stata un successo. Nei giorni seguenti all'inaugurazione le foto degli scorci ripresi dal percorso a picco sulle acque del lago hanno spopolato sui social network attirando migliaia di turisti. Il progetto  però, com'è noto, è quello di congiungere le piste ciclabili esistenti con nuovi tratti in modo da formare un anello attorno al Lago di Garda.

"I ciclisti siano obbligati a stare sulla ciclabile": unanimità in Consiglio provinciale

Ora tocca al Trentino: “Siamo consapevoli che si tratta di un importante biglietto da visita per il Garda trentino che si affaccia verso la sponda lombardo, il completamento del collegamento ciclabile con Limone è considerato prioritario" ha detto il Presidente della Provincia Maurizio Fugatti al termine di un sopralluogo con il dirigente del Servizio opere stradali. La precedente Amministrazione provinciale aveva promesso l'appalto entro fine 2019

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occorre però attendere l'elaborazione del progetto, tutt'altro che definitivo, e soprattutto lo stanziamento in bilancio. “Se vogliamo andare avanti – ha aggiunto Fugatti – dobbiamo capire quali sono i progetti. Oggi, con i tecnici provinciali, siamo venuti a fare un sopralluogo sui vari lotti verso il confine lombardo perché crediamo che questa sia un’opera da portare avanti nel più breve tempo possibile: è utile ai territori, a fini turistici e per i collegamenti. Adesso si passa alla fase delle decisioni progettuali e del reperimento delle ulteriori risorse necessarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento