Omofobia, Rossi: "Il Trentino sappia aprirsi"

"Confido che la società trentina saprà dimostrare di essere in grado di affrontare la diverse sfaccettature della vita" ha detto il Presidente, che ha incontrato i rappresentanti di Arcigay e Rete LGBT per la Giornata Mondiale contro l'omofobia ed in vista dell'esame finale del Ddl "buona scuola" che contiene una mozione sulla prevenzione del bullismo omofobico

“Nessuno deve sentirsi emarginato ed è giusto l'impegno delle istituzioni contro ogni forma discriminazione, sostenendo una battaglia che si combatte soprattutto sul fronte culturale; confido che la società trentina saprà dimostrare di essere in grado di affrontare la diverse sfaccettature della vita”. Queste le  dichiarazioni del presidente della Provincia Ugo Rossi durante l'incontro di  ieri con i rappresentanti di Arciggay e Rete LGBT in occasione della Giornata Mondiale contro l'omofobia.

Il presidente ha ricordato la mozione appena approvata in Consiglio provinciale contro l'omofobia nelle scuole: "abbiamo compiuto un percorso che ci ha portato ad affrontare situazioni in passato trascurate - ha aggiunto - l'intolleranza va combattuta attraverso l'informazione e la conoscenza". Un riferimento alla manifestazione Liberi di Essere, promossa uficialmente dalla Provincia, che ogni anno afronta i temi della discriminazione e della libertà di orientamento sessuale e che ha preso il via lo scorso 14 maggio a Trento per concludersi sabato 28. La mozione, approvata dal Consiglio  provinciale la  settimana scorsa, sarà nuovamente discussa all'interno dell'esame finale del disegno di legge sulla "buona scuola" trentina.

A tal proposito il presidente del Consiglio Bruno Dorigatti ha auspicato che "le forze politiche non tornino a scontrarsi nuovamente sul tema delle azioni di contrasto all'omofobia" come successo in passato con l'ostruzionismo msso in campo dai partiti di minoranza nella discussione del Ddl dell'anno scorso. Il testo della mozione, ha sottolineato Paolo Zanella  di Arcigay Trentino, "recepisce tutti gli emendamenti da noi concordati con il presidente Rossi, ci sarà inoltre un confronto con le nostre associazioni quando la Giunta procederà alla fase attuativa". 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento