Provincia, Fugatti non cambia in direttore generale: confermato Nicoletti

Confermato il direttore dal 2013 alla guida della macchina provinciale

Il presidente Fugatti ed il direttore Nicoletti

Paolo Nicoletti è stato confermato direttore generale della Provincia autonoma di Trento. La Giunta provinciale ha adottato il provvedimento di nomina su proposta del presidente Maurizio Fugatti. Direttore generale dal novembre del 2013, sotto l'amministrazione Rossi, Nicoletti in precedenza era stato dirigente generale del Dipartimento agricoltura, turismo, commercio e promozione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nato nel 1959 Nicoletti è stato assunto in Provincia nel 1985 presso il Servizio organizzazione, poi al Servizio Entrate (dopo una parentesi di circa due anni presso il Mediocredito Trentino Alto Adige), quindi al Servizio commercio in qualità di dirigente. Nel 1999 acquisisce l'incarico di dirigente generale presso il Dipartimento turismo e commercio, nel 2012 ampliato alla competenza dell'agricoltura. Vanta significative esperienze anche all'interno di enti strumentali della Provincia, quali quello in Trentino Sviluppo dove la sua specifica competenza era quella di favorire e valorizzare l'integrazione tra le attività produttive e il turismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento