Prostituzione: multa per i clienti approvata all'unanimità, ma senza la consigliera Romano

La consigliera dell'Altra Sinistra a Trento era assente per motivi familiari. "In nome del decoro urbano si disumanizza la nostra città"

E' stata approvata all'unanimità, sì, ma senza la consigliera Antonia Romano, la proposta della Commissione politiche sociali del Comune di Trento che prevede multe salate per chi si ferma a "contrattare" con le prostitute sulle strae cittadine. La consigliera dell'Altra sinistra, recentemente candidata con Potere al Popolo, ci tiene a sottolinearlo.

" La proposta da me non sottoscritta in commissione, non ha avuto il mio voto contrario in aula a causa della mia assenza per motivi familiari - scrive Romano - Se il problema da risolvere è la prostituzione e la sua soluzione è il contrasto allo sfruttamento di donne, spesso minori. Le sanzioni ai clienti portano solo a spostare il fenomeno verso zone meno controllate, più buie  esponendo maggiormente le donne al rischio di violenze nei loro confronti. Investire massicciamente e realmente in aiuti alle associazioni che lavorano sul territorio e si occupano di prostituzione, favorendone l'azione, ma, soprattutto, offrire alle donne che con fatica escono dalla tratta prospettive di lavoro sicuro è l'unica alternativa alla degenerazione repressiva che, in nome di un'ideologia del decoro urbano, sta portando alla disumanizzazione della nostra comunità." 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

Torna su
TrentoToday è in caricamento