Maltrattamenti: telecamere a circuito chiuso in asili e case di riposo

Il testo impegna la Provincia a valutare la possibilità di installare nelle scuole materne, nelle case di riposo e nelle strutture di assistenza, su base volontaria e d'intesa con gli operatori, sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso

Il Consiglio provinciale di Trento ha approvato una mozione, presentata dal consigliere di Forza Italia Giorgio Leonardi, che impegna la Provincia a valutare la possibilità di installare nelle scuole materne, nelle case di riposo e nelle strutture di assistenza telecamere a circuito chiuso per prevenire maltrattamenti di bambini, anziani e disabili.

Il testo impegna la Provincia a valutare la possibilità di installare nelle scuole materne, nelle case di riposo e nelle strutture di assistenza, su base volontaria e d'intesa con gli operatori, sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso per prevenire maltrattamenti di bambini, anziani e disabili. Il documento prevede inoltre di "favorire la divulgazione di buone prassi in tema di segnalazioni tempestive di condotte inappropriate, sempre considerando la prevenzione come la prima forma di contrasto di tali fenomeni".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coltiva marijuana in un campo, a casa ne ha quasi un quintale: arrestato insospettabile 47enne

  • Un rombo fortissimo, aerei da guerra sopra Trento: ecco perchè

  • Ha un malore alla guida mentre è al telefono con la moglie, si schianta e precipita in un dirupo: morto

  • Tragico incidente, motociclista morto, due feriti e veicoli carbonizzati a Nomi

  • Fermati al casello A22 con 12 chili di cocaina: trafficanti traditi dai calzini

  • Frecce Tricolori: spettacolo nei cieli di Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento