Mattarella ricorda Antonio Megalizzi nel discorso di Capodanno

L'esempio del giovanr giornalista trentino citato dal Presidente della Repubblica nel discorso del 31 dicembre: "Sognava un'Europa con meno confini"

Il Prsidente Mattarella nel discorso di fine anno, foto Quirinale

La tragica morte di Antonio Megalizzi, giornalista trentino ucciso nell'attentato di Strasburgo, nel discorso di fine anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nel tradizionale appuntamento di Capodanno il Capo dello Stato lo ha citato come esempio di un'Europa dei diritti e della convivenza.

Il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica, clicca qui...

"Vorrei rinnovare un pensiero di grande solidarietà ai familiari di Antonio Megalizzi, vittima di un vile attentato terroristico insieme ad altri cittadini europei" ha detto  Mattarella nelle ultime righe del suo discorso. 

Il presidente si è riferito al giovane trentino come esempio di impegno per un'Europa futura: "Come molti giovani si impegnava per un’Europa con meno confini e più giustizia. Comprendeva che le difficoltà possono essere superate rilanciando il progetto dell’Europa dei diritti, dei cittadini e dei popoli, della convivenza, della lotta all’odio, della pace". 


 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento