L'Italia che Resiste, tantissimi in via Belenzani per dire "accogliamo"

Una manifestazione sopntanea, con diverse bandiere in piazza, dalle ACLI a Liberi e Uguali, per dire basta "a chi vuole lasciare morire in mare quelli che scappano"

foto: Alessandro Paris

L'Italia resiste, e anche Trento. Prende spunto da un verso della canzone di Francesco De Gregori "Viva l'Italia" la manifestazione lanciata in tutte le piazza del Paese "per dire no a chi vorrebbe lasciar morire in mare coloro che scappano da guerra, fame e povertà".

La pioggia, scesa oggi in città dopo la neve di ieri,  non ha fermato i tanti manifestanti che si sono radunati in via Belenzani, sotto alla sede del Comune, per esprimere la propria contrarietà alle scelte del Governo in materia di richiedenti asilo, accoglienza ed integrazione. 

"Un'auto convocazione spontanea per dire no alle scelte di chi interrompe i percorsi di assistenza e integrazione; di chi istiga all’odio e alla xenofobia dimenticando gli storici valori di accoglienza e convivenza civile" si legge nel volantino. Un appello raccolto da tante persone. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Attualità

    Tagli all'accoglienza: cinque addetti ai pasti perdono il lavoro

  • Green

    Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Cronaca

    Villa Rendena: auto incendiata in paese, forse una "vendetta"

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • Muore a 19 anni dopo un malore in piscina

  • Dimostrazione a scuola con il cane antidroga, poi i carabinieri fermano un ragazzo

Torna su
TrentoToday è in caricamento