Fugatti: "rimettete i crocifissi a Tione"

La segnalazione al consigliere leghista diventa un'interrogazione rivolta direttamente al presidente ed assessore all'istruzione Ugo Rossi. A Tione sarebbero spariti i crocefissi dalle scuole, da anni. Fugatti rimette la decisione nelle mani degli studenti

Crocifissi spariti dalle aule delle scuole superiori di Tione: la segnalazione è arrivata al consigliere provinciale della Lega, ex deputato, Maurizio Fugatti che l'ha ripresa sulla propria pagina facebook scatenando il dibattito. "Stante le segnalazioni ricevute da diversi studenti, in alcune scuole superiori di Tione (ENAIP, UPT e licei) non vi sarebbe nemmeno l’ombra di un crocefisso - si legge nel post - pare che tale decisione sia stata messa in atto già da qualche anno ma il motivo non sarebbe noto"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La questione è divenuta subito oggetto di un'interrogazione rivolta direttamente al presidente della Provincia Ugo Rossi, che è anche assessore all'istruzione. Fugatti chiede se le segnalazioni corrispondano al vero e, in caso di risposta affermativa, rimette la decisione nelle mani degli studenti chiedendo che i crocifissi tornino sui muri qualora i ragazzi lo richiedessero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Cane investito da una moto, il padrone vede la scena e sviene

Torna su
TrentoToday è in caricamento