Doppio passaporto anche per i Trentini, in 750 firmano la petizione online

In Alto Adige 9 consiglieri provinciali hanno ripreso una battaglia storica. Anche in Trentino, sebbene in un contesto totalmente diverso, qualcuno rilancia la proposta

Dopo la lettera di 19 consiglieri provinciali altoatesini al Governo austriaco per chiedere il recupero della doppia cittadinanza, italiana ed austriaca, per gli abitanti della Provincia autonoma di Bolzano anche in Trentino spunta una petizione, online, con la medesima richiesta.

A lanciare la raccolta firme su change.org  è Lukas Antoniolli, schützen di Trento che chiede al presidente della Provincia Ugo Rossi, curiosamente chiamato Landeshauptmann, di attivarsi con un'analoga richiesta presso il  Parlamento di Vienna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Certo, quella che per l'Alto Adige  è una battaglia storica, più volte ripresa al Dopoguerra ad oggi, in Trentino non è che una nostalgia di pochi, sebbene sul piano "diplomatico" le sorti della popolazione trentina siano state le stesse di quella sudtirolese. La petizione ha raccolto, in pochi giorni, 750 firme, l'obiettivo è arrivare a 1000. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento