Ospedale di Cavalese, Ugo Rossi: "Basta propaganda, ecco com'è andata"

"Tutti vogliono metterci il cappello, ma è stata la Provincia a trovare la soluzione". Ugo Rossi su facebook risponde all'entusiasmo pentastellato e, in parte, leghista

Con la notizia della riapertura del Punto Nascita a Cavalese è scattata, in questi  giorni di febbrile campagna elettorale, la  corsa a prendersi il merito. Se è vero che Lega e Claudio Cia, da una parte, e Movimento Cinque Stelle, dall'altra hanno sempre contestato la chiusura del Puntoo Nascita e si sono battuti per la riapertura con petizioni, interrogazioni e manifestazioni di protesta, è vero anche che è stata la Provincia, realizzando i lavori per la sala operatoria e reclutando il personale necessario, a far sì che il Punto Nascita potesse riaprire, in deroga alle norme ministeriali, a loro volta applicate sulla base di direttive europee.

A rivendicare la "paternità", è il caso di dirlo, di chi potrà ancora nascere a Cavalese, se e quando il presidio verrà aperto, è Ugo Rossi. Candidato per un secondo mandato, il presidente uscente affida a facebook alcune precisazioni sulla vicenda: "Questa è la storia: lo Stato impone la chiusura di centri nascita sotto soglia (meno di 500 nascite l’anno); la Provincia ha chiesto la deroga per i suoi punti nascita, deroga concessa a Cles ed a Cavalese. In seguito, il centro di Cavalese è stato chiuso perché non c’erano i medici per coprire i turni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"LL’Azienda Provinciale per i servizi sanitari ha lavorato per trovare nuovi medici. Sono stati trovati; poi all’improvviso, il Comitato Nazionale ha chiesto anche l’apertura immediata e non solo programmata (come aveva detto inizialmente) di una nuova sala operatoria. Ora è stata trovata soluzione per una sala. La Provincia ha chiesto al comitato la riapertura; La riapertura è stata concessa. Tutto qui!" scrive Rossi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

Torna su
TrentoToday è in caricamento