Elezioni, è Alessandro Olivi "mister preferenze": ecco i candidati più votati

Alessandro Olivvi e Paolo Ghezzi possono guardare "dall'alto" delle loro 5000 preferenze, Sara Ferrari al terzo posto, Bisesti al quinto

E' Alessandro Olivi, due volte assessore del PD, il più votato di queste elezioni politiche: dall'alto delle sue 5688 preferenze sarà molto probabilmente lui a guidare i quattro consiglieri dem eletti in Consiglio. A seguire la grande novità dei queste elezioni: Paolo Ghezzi, ideatore e animatore della lista Futura 2018, che ha ottenuto 5275 preferenze personali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elezioni in Trentino: ecco i risultati

Al terzo posto un'altro ex assessore del PD, Sara Ferrari, con 4063 preferenze. Del resto anche il terzo eletto del PD è un ex assessore, ovvero Luca Zeni, con 2936 preferenze. Meno, però, delle 3910 preferenze del più votato dellla coalizione di centrodestra, ma quarto in un'ipotetica "classifica generale", Mirko Bisesti, giovane segretario della Lega trentina. Di gran lunga il più votato del suo partito visto che al  secondo posto c'è Roberto Failoni con 2336  preferenze. Tra i 13 consiglieri eletti della  Lega l'ultimo  in classifica è l'ex consigliere provinciale Alessandro Savoi con 990 preferenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, nuovi casi dimezzati: oggi 45. Morto anche un 28enne che era stato dimesso

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento