Passaporto austriaco per gli altoatesini: a Vienna 1000 firme

Nella delegazione non solo i partiti separatisti a anche l'assessore provinciale dell'Svp

Mille firme per avere il doppio passaporto italo-austriaco. A portarle a Vienna non è stato qualche attivista separatista altoatesino, ma l'assessora provinciale del partito di maggioranza Maria Hochgruber Kuenzer (Svp) insieme al comandante degli Schützen Jürgen Wirth Anderlan.

La delegazione che ha incontrato funzionari del Ministero degli interni e degli esteri di Vienna, era formata, chiaramente, anche da esponenti della Süd-Tiroler Freiheit e dei Freiheitlichen, i due partiti separatisti promotori dell'iniziativa, dopo la promessa dell'ex presidente austriaco Sebastain Kurz.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cambio alla guida dell'Austria, dove dal 2017 il presidente è il verde Alexander Van dei Bellen, mentre la cancelliera Brigitte Birlein guida un governo transitorio, rischia di far cadere la questione nel dimenticatoio. In una nota, però, si legge che "anche il presidente Alexander Van der Bellen ha salutato spontaneamente la delegazione per informarsi dell'iniziativa che riguarda vari partiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

Torna su
TrentoToday è in caricamento