Passa la doppia preferenza di genere: parità tra uomini e donne nelle liste, rischio referendum

Il "cavallo di Troia" della doppia preferenza, già bocciata a maggio, questa volta ha funzionato: il Consiglio pprova, ma ora c'è l'ombra del possibile referendum in estate

Sbattuta fuori dalla porta a maggio e tornata dalla finestra nell'aula del Consiglio provinciale ieri, la doppia preferenza di genere è sttata approvata oggi con 23 voti a favore, dopo un'accesa discussione. Resta aperta la possibilità da parte dei consiglieri contrari di chiedere la convocazione di un referendum confermativo, ma i tempi, in vista delle prossime elezioni provinciali, sono sempre più stretti. 

Si parla di liste obbligatoriamente composte da uomini e donne in eguale misura. La legge è ritornata in aula grazie ad un'escamotage della maggioranza che ha proposto un emendamento ad uun disegno di legge dei cosiglieri Bezzi e Bottamedi sull'elezione indiretta del presidente della Provincia. Com'è noto la consigliera Manuela Bottamedi, ex M5S, ex Patt e ora molto vicina a Giacomo Bezzi di Forza Italia, era una delle due firmatarie della proposta sulla doppia preferenza, scartata a maggio. L'altra firmataria è la consiigliera Lucia Maestri del PD. 

La maggioranza ha dunque presentato 37 emendamenti al disegno di legge di Bezzi, già approvato dalle varie commissioni. Emendamenti abrogativi: in questo modo a rimanere in piedi sono stati solamente i 4 articoli riguardanti proprio la preferenza di genere. Il consigliere Bezzi, insieme al collega Viola, non ha preso parte alla votazione: se i voti favorevoli fossero stati 24 sarebbero servite 30.000 firme per arrivare al referendum, così ne bastano invece 8.000, oltre a quelle di sette consiglieri.

Otto i contrari, ovvero i consiglieri delle minoranze. Fugatti: "Le donne della lega mi hanno chiesto di votare contro perché non ritengono debba essere introdotto l’obbligo di candidate donne nelle liste". Civettini: " questa legge rappresenta degli interessi particolari di alcune deonne che i loro partiti hanno già defenestrato". Borga: "una legge illiberale e che offre a questo Consiglio il presunto diritto di condurre gli elettori al voto indirizzandoli". Astenuto Cia, insieme a Fasanelli: "Il 40% e 60% sarebbe stato molto preferibile: in questo modo sarà davvero difficile costruire liste". 

Compattte le donne del centro-sinistra, le uniche rappresentanti femminili in Consiglio provinciale, insieme alla proponente Manuela Bottamedi del Gruppo Misto. Attorno a lei ed al Lucia Maestri si sono sedute, tenendosi la mano durante  la votazione, le consigliere: Borgonovo Re, Plotegher, Ferrari e Avanzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È un risultato che va ascritto alla tenacia degli uomini e delle donne della maggioranza, alla collaborazione proficua con tutti i promotori dell’iniziativa di legge, al supporto costante di larghi pezzi della società civile e delle Istituzioni, al lavoro dei partiti della maggioranza" scrive in una nota il Partito Democratico del Trentino. "Vorrei sottolineare un aspetto non secondario: l’azione congiunta di due donne, concentrate entrambe sull’obiettivo e impermeabili ai condizionamenti, alle strumentalizzazioni, alle deviazioni, sfata lo stereotipo che vuole le donne litigiose, invidiose, gelose: qualcosa sta cambiando" scrive su facebook Manuela Bottamedi, ringraziando la collega Maestri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Casa gratis in cambio di volontariato: ecco il bando

  • Frontale in galleria: muore un ragazzino di 11 anni

  • Incidente in A22, si schianta contro un camion e rimane incastrato sotto il rimorchio: morto 38enne

Torna su
TrentoToday è in caricamento