Stelvio: nuovo regolamento sugli indennizzi per i danni degli ungulati

Grazie ad una delibera approvata dalla Giunta è nuovamente possibile presentare agli uffici del Parco domanda di indennizzo per danni a prati sfalciati, pascoli monticati, attività agricole

Un regolamento che definisce i criteri per l'indennizzo dei danni provocati dagli ungulati selvatici nel territorio del parco nazionale dello Stelvio è stato approvato dalla Giunta provinciale di Trento. Il regolamento in vigore dal 2006 al 2015 e promosso dal Consorzio del parco nazionale dello Stelvio, prevedeva l'indennizzo dei danni causati dalle alte densità di cervo presenti nell'area protetta. A seguito della nuova governance del Parco si è reso necessario un adeguamento alle normative provinciali delle procedure per la rifusione dei danni. Da oggi, grazie alla delibera che porta la firma dell'assessore all'ambiente trentino, Mauro Gilmozzi, e approvata dalla Giunta, è nuovamente possibile presentare agli uffici del Parco domanda di indennizzo per danni a prati sfalciati, pascoli monticati, attività agricole di interesse economico e orti o campi privati.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Sedicenne trentino grave dopo un tuffo da 10 metri in Salento

Torna su
TrentoToday è in caricamento