Pesticidi: il clorpyriphos doveva essere bandito in Trentino dal 2016

Il consigliere del M5S Degasperi non scorda il patto siglato la scorsa legislatura con Apot e torna alla carica con una mozione identica

Clorpyriphos al bando nel 2018. Così recitava un proclama della Apot, nonchè un nostro articolo sull'argomento, che nell'aprile dell'anno scorso prometteva la messa al bando del pesticida dai programmi di trattamento nei meleti trentini. Ma l'impegno della politica a bandirne l'utilizzo è addirittura precedente: un protocollo firmato nella scorsa legislatura dagli assessori Dallapiccola, Zeni e Gilmozzi con la stessa Apot, che impegnava le parti in causa a "migliorare la qualità dei fitofarmaci, attraverso l'uso di mezzi alternativi, riducendo dosi e principi attivi"..

A ricordarlo è il consigliere provinciale del Movimento Cinque Stelle che, anche sulla scia della Marcia contro i pesticidi tenutasi a Trento domenica 19 maggio, torna alla carica. "Ci avevamo inutilmente già provato nella legislatura scorsa, quando governava una coalizione composta da PD, PATT, UPT, VERDI, IDV. Ci riproviamo ora" scrive il consigliere nella nota che accompagna la mozione presentata in Consiglio provinciale.

Insomma, cambiano assessori e presidenti, ma il clorpyrifos resta. La richiesta contenuta nella mozione potrebbe essere la stessa avanzata quattro anni fa: "vietare l'utilizzo del pesticida Clorpirifos in tutte le sue varianti sul territorio della Provincia autonoma di Trento". Ora la palla passa al Consiglio provinciale. 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento