L'idea di Fugatti: il Cinformi ai trentini. Sindacati: "Proposta surreale"

"Ben venga potenziare la regia dell'Agenzia del Lavoro, ma a vantaggio di tutti, senza discriminazioni" si legge nella nota di Cgil, Cisl e Uil

"Aprire il Cinformi ed il suo know how alleesigenze degli italiani". L'affermazione fatta dal governatore Fugatti al quotidiano L'Adige fa discutere, e solleva la reazione di minoranze e sindacati. Da un lato la "chiusura" dell'agenzia provinciale per gli stranieri (tutti, non solo richiedenti asilo) è stata uno dei perni della campagna elettorale che ha portato la Lega al trionfo lo scorso ottobre. Dall'altro si tratta pur sempre di "eliminare" dal giorno alla notte una struttura pubblica, con relativi dipendenti.

Da qui l'idea "soft" di Fugatti di riconvertire l'agenzia dedicando ai trentini le risorse oggi messe al servizio degli stranieri. "Proposta surreale e discriminatoria" per i segretari di Cgil, Cisl e Uil, che firmano una nota nella quale si chiede, piuttosto, di valorizzare sul versante degli aiuti all'impiego l'Agenzia del Lavoro, "ma a vantaggio di tutti". Nel frattempo il Consiglio provinciale ha bocciato la mozione dell'ex assessore alla Sanità Luca Zeni (PD) che chiedeva a Fugatti di fare marcia indietro sui tagli all'accogliena e sul presunto "smantellamento" del Cinformi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento