Lingue straniere: formazione per i docenti, stanziati 2 milioni di euro

Attivare percorsi di formazione di lingua inglese e tedesca per preparare gli insegnanti alle certificazioni internazionali di livello B1, B2 e C1. Questo l'obiettivo di una delibera, approvata oggi dalla Giunta provinciale di Trento

Attivare percorsi di formazione di lingua inglese e tedesca per preparare gli insegnanti alle certificazioni internazionali di livello B1, B2 e C1. Questo l'obiettivo di una delibera, approvata oggi dalla Giunta provinciale di Trento, su proposta del presidente, Ugo Rossi, con cui è stato definito uno schema di avviso per la presentazione di progetti di formazione da parte di enti, pubblici e privati, accreditati dal Fondo sociale europeo. Sono stati stanziati 2 milioni di euro tra Fse, Stato e Pat.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intento è di accrescere le competenze del personale, dai nidi d'infanzia alle superiori, per dare l'opportunità, a chi è disposto a investire nella propria crescita professionale, di formarsi anche per insegnare in modalità Clil la propria materia. Le proposte progettuali dovranno pervenire al servizio istruzione e formazione del secondo grado, università e ricerca della Provincia 2017 a partire dalla data di pubblicazione dell'avviso sul sito web del Fondo sociale europeo ed entro le 12.30 del 7 novembre. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento