Bilancio, Robbi (Agire): «Ennesimo 'attacco' nei confronti dei disabili»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

"Ancora una volta a pagare le conseguenze dei conti in disordine della Provincia di Trento sono i disabili. Forse perché non hanno la forza per alzare la voce?". Così Gian Piero Robbi, attivista del Movimento 'Agire per il Trentino'. "E' ormai una consuetuditaglitagne che avviene ogni anno - ha aggiunto Robbi - il tentativo delle Istituzioni di limare le risorse da destinare ai portatori di handicap, ovvero di gente che ha il sacrosanto diritto di non essere discriminata e supportata nella vita di tutti i giorni, già difficile per via della malattia". L'assistenza sanitaria, nello specifico rivolto alla disabilità, dovrebbe essere un ambito immune dalla spending review o da qualsiasi taglio che si 'inventano' le istituzioni, perché si tratta di un servizio essenziale, peraltro garantito dall'articolo 32 della Costituzione: "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti". "Giusto, quindi, considerare come prioritaria la reintroduzione nel bilancio 2017 di 1 milione e 738mila euro destinati alla disabilità", ha affermato Robbi, dando così ancora più forza alla conferenza stampa che si è svolta ieri dei consiglieri provinciali trentini di Forza Italia, Lega Nord e del Gruppo Misto, ovvero Giacomo Bezzi, Maurizio Fugatti e Claudio Cia, quest'ultimo leader del Movimento 'Agire per il Trentino'. "Sostenere finanziariamente la disabilità - ha concluso Robbi - non è una perdita di denaro ma una necessità della società civile per permettere ai disabili di vivere una vita dignitosa. Un 'settore' della società che merita più attenzione e non di essere emarginata".

Torna su
TrentoToday è in caricamento