Corteo anarchico, De Bertoldi contro il Prefetto: "Dichiarazioni strumentali"

Nell'interrogazione parlamentare rivolta al ministro Salvini il senatore trentino giudica "strumentali e inverosimili" le dichiarazioni del prefetto Lombardi alla stampa

Il senatore trentino De Bertoldi torna a puntare il dito contro la manifestazione anarchica di sabato 16 marzo a Trento quando circa 300 persone, "ricoperti da passamontagna e impugnando bastoni, facendo uso di vernice rossa, hanno imbrattato muri, vetrine di negozi, nonché l’ingresso della sede regionale della Rai, utilizzando anche fumogeni". E' quanrto scrive il senatore di Fratelli d'Italia nella sua interrogazione al ministro dell'Interno Matteo Salvini, per fare luce su quanto accaduto.

De Bertoldi se la prende anche con il prefetto di Trento Sandro Lombardi: "le dichiarazioni del prefetto Lombardi, secondo le quali la manifestazione si è svolta senza incidenti e nel rispetto del centro storico di Trento, appaiono strumentali e inverosimili, sia in relazione ai danni che si sono effettivamente verificati, come testimoniano una serie di fotografie apparse sui quotidiani locali, che confermano gli atti di scempio". 

Potrebbe interessarti

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

  • Olimpiadi Invernali 2026 a Milano-Cortina: le gare si svolgeranno anche in Trentino

  • Barison Industry cresce a Trento: a breve nuovi posti di lavoro

I più letti della settimana

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Incidente, si schianta frontalmente con un camion e ci finisce sotto: morto motociclista

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

  • Motociclista morto sulla strada del lago di Garda

  • Grandinata in Valsugana, temporali in arrivo su tutto il Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento