Profughi pakistani allontanati, le Acli contro Fugatti

"Una decisione triste, dovranno servire da monito per altri migranti". La lettera delle Acli trentine

"La notizia della decisione presa dal Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti ci ha lasciato l'amaro in bocca. Si tratta di una decisione triste. Certo è vero che il “garantire una solidarietà equa e rispettosa delle normative non può ricadere solo sul Trentino” e che questo va fatto presente all'autorità nazionale, ma il metodo usato - farlo sulla pelle di alcune persone in stato di necessità - non è un metodo che possiamo certo condividere".

Così le Acli trentine prendono posizione sulla vicenda dei 40 profughi pakistani, "rimpallati tra uno stato e l'altro, tra una regione e l'altra, ospiti indesiderati". Indesiderati, a quanto sembra, in Trentino, dove il governatore Fugatti ha deciso di estromettere la metà di loro dall'assistenza provinciale.

"Dovranno pagare il prezzo di fungere da monito per altri migranti: in Trentino non c'è posto... per eliminare qualsiasi eventuale effetto di richiamo. E sì che il Trentino è sempre stata una terra solidale, una terra accogliente e di convivenza. Forse perché poco più indietro, quando anche nelle nostre valli dominava la miseria, è stata terra di emigrazione" conclude la nota delle Acli. 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento