SUAP, lo Sportello unico per le attività produttive, obbiettivo: semplificare la burocrazia

Si chiama SUAP ed è lo Sportello unico per le attività produttive. Risponde all’esigenza di semplificare gli iter burocratici e costituisce il punto di riferimento unico per l’espletamento di tutte le procedure amministrative

Si chiama SUAP ed è lo Sportello unico per le attività produttive. Risponde all’esigenza di semplificare gli iter burocratici e costituisce il punto di riferimento unico per l’espletamento di tutte le procedure amministrative, che riguardino l’attività produttiva di un’impresa, solitamente gestite da enti pubblici diversi.  Un servizio che cresce con la convenzione firmata oggi da Marino Simoni, Presidente del Consorzio dei Comuni Trentini e Adriano Dalpez, Presidente della Camera di Commercio e che individua nella soluzione informatica, realizzata dal sistema camerale, gli strumenti operativi e le modalità attuative per diffondere presso i Comuni della provincia di Trento un impianto gestionale standard delle attività di front office e di back office degli Sportelli.

La Legge provinciale di riferimento ha affidato l’operatività dello Sportello unico al Consorzio dei Comuni Trentini che si è attivato per garantire alla struttura l'adozione di una piattaforma informatica in grado di soddisfare non solo i requisiti minimi ma anche di svolgere appieno tutte le funzionalità relative alla redazione, invio, ricezione, smistamento, gestione e conservazione delle pratiche telematiche. A seguito di alcune sessioni di confronto tra Provincia autonoma di Trento, Consorzio Comuni Trentini e Camera di Commercio di Trento ed InfoCamere è stato possibile verificare le funzionalità offerte dalla piattaforma SUAP camerale, rispetto alle esigenze specifiche del territorio trentino e a quelle di interoperabilità con i sistemi informativi preesistenti. Questi approfondimenti sono stati condotti dal Consorzio anche grazie alla collaborazione assicurata dal Comune di Trento, con il quale da tempo lo stesso Consorzio sta sviluppando diverse iniziative congiunte.

A livello nazionale, su 8.092 Comuni, 3.015 hanno già attivato lo SUAP camerale: 2.539 in regime di delega e 476 su convenzione. A tutt’oggi gli utenti registrati sono 30mila e le pratiche telematiche evase a partire da marzo 2011 sono oltre 100mila. In provincia di Trento i settori e le attività attualmente gestiti dallo Sportello sono l’artigianato, il commercio, i pubblici esercizi, le strutture ricettive e i trasporti. Attraverso la Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), lo Sportello gestisce procedure di apertura, trasferimento e modifiche di vario genere relative alle attività imprenditoriali. I procedimenti e la modulistica sono approvati dalla Giunta provinciale d’intesa con il Consiglio delle autonomie.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento