Sagron Mis: entro la fine del 2013 la torre "T3" sarà completata

Sagron Mis ha la sua torre. Si tratta di una torre osservatorio, diurna e notturna, denominata "T3", acronimo di Torre e gruppo 3 del sistema dolomitico, adatta anche all'arrampicata

Sagron Mis ha la sua torre. Si tratta di una torre osservatorio, diurna e notturna, denominata “T3”, acronimo di Torre e gruppo 3 del sistema dolomitico, adatta anche all’arrampicata, che diventerà il fulcro di diversi obiettivi che l’amministrazione comunale si è posta dal momento in cui l’ha idealizzata. All’interno del progetto che ha dotato Sagron Mis di strutture specifiche quali la nuovissima Baita Sagron Mis - Dolomiti, con l’adiacente biolago e la ex cava di inerti recentemente recuperata, la torre è stata infatti pensata per amplificare la visibilità del contesto dolomitico in cui ricade la valle del Mis e lo stesso comune di Sagron Mis, che si caratterizza come porta di accesso al Sistema 3 di Dolomiti Unesco del Trentino. I lavori inizieranno a primavera 2013, ed entro la fine del 2013 la torre sarà completata.

La torre T3
Con l’osservatorio sommitale fissato a 22,60 metri, la torre T3 salirà fino ad un’altezza di 32,29 metri, terminando con un’asta parafulmine sormontata da un simpatico gufo girevole, e sarà dotata, alla sua base, di uno spazio espositivo. La scelta di materiali di costruzione quali cemento armato, legno e alluminio è il frutto di uno studio mirato ad ottenere i minori costi di gestione della struttura. L’accesso alla torre è consentito anche ai portatori di disabilità grazie ad un ascensore che dalla base consente di arrivare fino alla coffa, dove è situato il punto di osservazione. Su uno dei due lati sarà collata la parete di arrampicata artificiale, attrazione per i tanti appassionati di questo sport.

L’osservatorio è situato in una posizione privilegiata tale da consentire una panoramica sulle meravigliose vette delle Pale di San Martino e sul Cimonega, oltre che su tutto il territorio circostante con la flora e la fauna caratteristiche dell’ambiente dolomitico. Per questo Sagron Mis diviene luogo strategico per osservare e godere dell’intero paesaggio montuoso. Saranno inoltre predisposti dei visori ad infrarossi per consentire una visione anche notturna dello splendido scenario e degli animali che stanziano e transitano fra i parchi Paneveggio Pale di  San Martino e Dolomiti Bellunesi. La torre T3 diventerà inoltre il portale d’ingresso del sentiero interpretativo, anello della lunghezza di 7 Km, che recentemente è stato dotato interamente dei totem, i quali trattano, a seconda del luogo in cui sono posizionati, di quattro temi rappresentativi di questa piccola realtà trentina: legno, erba, alpinismo e geologia.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

  • In arrivo temporali, grandinate e raffiche di vento: allerta della protezione civile

Torna su
TrentoToday è in caricamento