Cittadinanza italiana per sposarsi: in Trentino 550 casi in un anno

In Trentino, in un anno, il Commissariato del governo ha emesso 550 decreti di concessione della cittadinanza per matrimonio. Dei nuovi cittadini italiani maggiore è la prevalenza femminile

In Trentino, in un anno, il Commissariato del governo ha emesso 550 decreti di concessione della cittadinanza per matrimonio. Dal giugno 2012 la competenza ad adottare i provvedimenti di cittadinanza per matrimonio è passata dal ministero dell'Interno ai prefetti. Dei nuovi cittadini italiani maggiore è la prevalenza femminile, mentre la distribuzione riguarda in modo omogeneo l'intero territorio provinciale. Per quanto riguarda le nazionalità d'origine, la maggior parte dei nuovi italiani e delle nuove italiane proviene dal Marocco e dell'Albania, seguiti da Romania e Moldova. Con la nuova normativa - sottolinea una nota - l'Ufficio cittadinanza del Commissariato del governo di Trento ha potuto velocizzare l'attività istruttoria, con una netta riduzione dei tempi di lavorazione delle istanze, ponendosi al 12esimo posto, tra tutte le prefetture, per numero di provvedimenti adottati al 31 dicembre 2012.

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

  • Olimpiadi Invernali 2026 a Milano-Cortina: le gare si svolgeranno anche in Trentino

I più letti della settimana

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente, si schianta frontalmente con un camion e ci finisce sotto: morto motociclista

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

  • Motociclista morto sulla strada del lago di Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento