Megavalanga programmata al passo dello Stelvio

Il video girato da Uli Kofler sta facendo il giro del web: basta una piccola detonazione per provocare un "fiume bianco" che si riversa nella valle

Un fotogramma del video di Uli Kofler

Megavalanga al passo dello Stelvio: si tratta di una valannga programmata, provocata artificialmente attraverso l'uso di esplosivi. Le operazioni sono avvenute nei giorni scorsi in vista della riapertura della strada dei 48 tornanti, collegamenti tra Trentino, Alto Adige e Lombardia.

Famosa soprattutto per il passaggio del Giro d'Italia, non di rado sotto qualche nevicata fuori stagione, la strada del passo dello Stelvio inn questi giorni è completamente sepolta dalla neve.

Nello splendido video postato su facebook da Uli Kofler, attraverso la pagina Passo Stelvio - Stilfserjoch, si vede la massa nevosa che si stacca dalla cresta e si riversa nella valle come un fiume in piena.

L'impressionante video è stato girato dall'elicottero, utilizato per sorvegliare la buona riuscita dell'operazione. Si vede chiaramente il punto in cui la piccola carica esplosiva viene azionata. Il resto viene da sé...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Regole più severe per gli inquilini Itea: arriva la "patente a punti"

  • Cronaca

    Convegno "Uomini e donne": la polizia carica i contestatori

  • Cronaca

    Monte Altissimo, trovano la neve e sono senza ramponi: recuperati dal Soccorso Alpino

  • Green

    I ragazzi della Marcia per il Clima ripuliscono il fiume

I più letti della settimana

  • Giornata Mondiale della Sindrome di Down: ecco cosa significano i "calzini spaiati"

  • Tragedia a Vezzano: muore investito dal suo camion

  • A Trento quasi una famiglia su due è composta da una sola persona

  • Valsugana: centrato dall'auto al bivio di Levico, muore motociclista

  • Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Medico opera la moglie senza autorizzazione: condannato per falso

Torna su
TrentoToday è in caricamento